Pagina 2 - Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada -Onlus- Sede di Bergamo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina 2

Poesie

IL RAGAZZO CHE ATTENDEVA IL GIORNO

Cosa hai pensato
mentre la tua alba
scivolava via
e tu contavi le ore di luce
prima del buio fitto
che ti avrebbe avvolto a sé?

Cosa hai pensato
mentre il tramonto
ti ricopriva il cuore
e tu da dietro i vetri
osservavi il giorno
sfuggire spavaldo
al tuo sguardo?

Il silenzio di una stanza
inghiottiva le stagioni
mentre vorticava il mondo
intorno a te

e tu attendevi…

Forse che qualcuno
ti donasse un giorno ancora.

per Elio, ventun anni, il ragazzo che il 5 aprile 2007 non ha potuto avere un giorno ancora  
e per tanti ragazzi che ancora combattono un male incurabile

Scritta da Aurora Cantini


TU CHE VIVI IN ME

Sono conosciuta al tuo nome, Amore,
golosa dei tuoi frutti selvatici
nei meriggi della giovinezza;

sono conosciuta al tuo cuore,
tu che con ali d’angelo
riempi di neve la notte buia dell’inverno;

sono conosciuta ai tuoi passi,
che la nebbia nasconde
come un velo bianco
abbandonato sul sentiero.

Ogni giorno t’amo, mio splendido Amore,
t’inseguo,
t’invoco,
ti ritaglio in ogni spazio,
e poi m’abbandono stridente e viva,

viva di te e con te.

Tu che vivi in me.

(inedita)

Scritta da Aurora Cantini



RIFLESSIONI



Tragedie quotidiane,
asfalti insanguinati ,
la curva fatale,
l’albero traditore,
l’auto schiantata;
la tua vita per sempre spezzata.
Perché corri?
Perché le tue ali vuoi tarpare?
La tua vita preziosa non tradire,
troppe persone puoi far soffrire.
Pensaci…….

Prima di pigiare l’accelleratore.

Scritta da Barbara Brindani


GENITORI SPECIALI

I genitori degli angeli
sono genitori speciali
perchè hanno figli speciali,

i genitori degli angeli
non vivono...
sopravvivono divisi
tra cielo e terra,

i genitori degli angeli
camminano con il naso all'insù...
per cercare di vedere oltre le nuvole,
per frenare le lacrime...

i genitori degli angeli
sono divisi tra un prima e un dopo...
erano genitori normali,
prima che la vita li rendesse speciali.

scritta da Maria Angela Bolis

 
Torna ai contenuti | Torna al menu